LAVORI IN QUOTA? FONDAMENTALE LA SICUREZZA

Il settore dei lavori in quota è uno tra i più esposti a situazioni di rischi elevati. La caduta dall’alto è, chiaramente, il rischio più frequente per chi lavora in quota. Eventi accidentali, come la perdita di equilibrio, possono portare a conseguenze davvero gravi se non sono state messe in atto le necessarie misure di sicurezza. Collegate al rischio di caduta vi sono, però, anche altre tipologie di situazioni potenzialmente pericolose; i cosiddetti rischi residui.

Ad esempio, può accadere che il lavoratore possa essere sottoposto al cosiddetto “effetto pendolo” e urtare, di conseguenza, contro il suolo, una parete o un ostacolo. Solitamente gli ambienti che richiedono un’attenzione particolare per prevenire i fattori di rischio sono cantieri temporali e mobili, dove la percentuale di infortuni è particolarmente alta.

Gli incidenti in assenza di idonee protezioni.

Nella maggior parte degli infortuni, per caduta da copertura, non vengono utilizzati idonei sistemi di protezione contro le cadute dall’alto, come ad esempio imbracature di sicurezza, linea vita assicurate a strutture idonee, delle opere fisse o provvisionali, ponteggi metallici e sottoponti, vie di camminamento o reti di sicurezza.

Gli infortuni, avvenuti durante la sostituzione di una copertura, sono frequenti e sono causati spesso dall’assenza di parapetti, camminamenti e reti anti-caduta. Inoltre, in assenza di linee vita e imbracature di sicurezza.

La scelta dei sistemi Lineavita.

La migliore arma per la sicurezza di chi opera in quota è la prevenzione e la corretta progettazione dei sistemi anti-caduta: ogni responsabile di un immobile (amministratore condominiale o proprietario) o il datore di lavoro, dirigenti e preposti sono chiamati a rispondere qualora emergano violazioni o deficienze in merito alla protezione dei lavori in quota.

I sistemi Lineavita da adottare, in una specifica realizzazione, dipendono dai rischi da ridurre ed eliminare, anticipatamente nell’attività di valutazione dei pericoli. Bisogna verificare, prima del montaggio, una serie di condizioni, come l’idoneità della struttura di ancoraggio, le condizioni della superficie di lavoro, le condizioni atmosferiche ect.

La progettazione e l’installazione di una Linea vita deve essere effettuato soltanto da personale qualificato ed esperto. Per maggiori informazioni contatta: F.A.P. S.r.l. www.fapsrl.net

← Prev News ItemLAVORI IN QUOTA: prevenzione come sinonimo di sicurezza.

Next News Item →Installazione Carroponte bitrave 10 ton. FAP-SWF